Filtro notizie
pneumatici moto

METZELER conquista matematicamente tre titoli nel Campionato Mondiale FIM Enduro 2016

18.07.2016

Giacomo Redondi ottiene il titolo iridato nella categoria Junior con un round d’anticipo. Due piloti METZELER si contenderanno la vittoria finale nelle classi E1 ed E3, mentre nell’EnduroGP la lotta per l’iride è ancora aperta

Al termine del weekend appena trascorso sul circuito di Fabriano, METZELER e i suoi MCE 6 DAYS EXTREME hanno matematicamente ottenuto tre titoli nel Campionato Mondiale FIM Enduro 2016, rispettivamente nell’E1, E3 e nella Junior, portando a ventinove il numero dei titoli iridati conquistati dalla casa di fondazione tedesca dal 2005 ad oggi.

Il primo Campione del Mondo della stagione 2016 è Giacomo Redondi. Il ventitreenne italiano in forza all’Honda RedMoto World Enduro Team ha dominato la stagione conquistando matematicamente il titolo della categoria Junior al termine di Gara 1, grazie ai 70 punti di vantaggio su Albin Elowson. Redondi ha poi bissato il successo anche in Gara 2 davanti a Garcia e Soreca, firmando contestualmente la settima doppietta consecutiva stagionale.

 

Nella E1 i due piloti METZELER in lizza per il Mondiale sono Eero Remes Nathan Watson. Grazie ai punti conquistati sul tracciato marchigiano, il finlandese Remes ha mantenuto la testa della classifica generale con 252 punti e 17 lunghezze di vantaggio su Watson: sarà quindi decisivo l’ultimo round a Cahors per conoscere il nome del nuovo Campione del Mondo. Situazione analoga anche in E3, dove la lotta per il titolo si giocherà fino all’ultimo tra due piloti METZELER, con Steve Holcombe attualmente in prima posizione con 244 punti e Johnny Aubert secondo a 227. Manuel Monni è terzo nella classifica iridata con 195 punti.

 

Il settimo round stagionale a Fabriano si è chiuso con tre doppiette della casa dell’elefante blu rispettivamente nelle classi EnduroGP, E1 ed E3, vincendo Gara 1 nella categoria E2, dopo i sei successi ottenuti da METZELER due settimane fa a Gordexola, nei Paesi Baschi.

 

Ad un solo round dal termine del Mondiale 2016, nella Enduro GP guida la classifica Matthew Phillips, seguito a pochi punti di distanza dai piloti METZELER Eero Remes (TM Racing) Steve Holcombe (Beta Factory Racing).

In Gara 1 prima vittoria nel 2016 per Christophe Nambotin (KTM Factory Racing), al ritorno al successo dopo l’infortunio, davanti a Matthew Phillips e Steve Holcombe. Quest’ultimo ha poi ottenuto un successo importante in Gara 2 davanti ad Eero Remes Loïc Larrieu.

 

Dopo il difficile weekend di Gordexola, contrassegnato dai continui problemi meccanici sulla propria TM, il finlandese Eero Remes ha firmato una splendida doppietta nella categoria E1, chiudendo Gara 1 davanti all’altro pilota equipaggiato METZELER Oscar Balletti (Honda  RedMoto World Enduro Team) e ad Alessandro Battig. In Gara 2 il finlandese si è imposto su Nathan Watson (KTM Factory Racing) e su Daniel Mccanney.

 

Christophe Nambotin ha vinto Gara 1 nella E2 davanti al capoclassifica Matthew Phillips e a Mathias Bellino, mentre i colori METZELERson saliti sul podio anche in Gara 2 con il secondo posto di Loïc Larrieu e il terzo posto di Alex Salvini (Beta Factory Team) dietro a Bellino. Con il risultato di  Fabriano il pilota italiano ha confermato l’ottimo stato di forma, dopo il doppio podio (2°/3°) ottenuto a Gordexola.

 

Nella classe E3 tripletta METZELER in entrambe le manche: il capoclassifica Steve Holcombe (Beta Factory Team) ha vinto Gara 1 davanti a Manuel Monni Johnny Aubert, ripetendo il successo in Gara 2 davanti ad Aubert Monni.

 

Dal 1935 METZELER è fornitore dei migliori team del Campionato Mondiale FIM Enduro: attualmente con gli pneumatici MCE 6 DAYS EXTREME METZELER mette a disposizione un prodotto definito il migliore pneumatico da enduro per vincere nelle condizioni più difficili, uno pneumatico di prim’ordine sviluppato grazie alla collaborazione con i piloti ufficiali che si presenta come la migliore soluzione per sfruttare le prestazioni della propria moto, abbinato alla continua innovazione e sperimentazione grazie alle quali la casa di fondazione tedesca ottiene risultati prestigiosi nelle competizioni più importanti, come i ventisette titoli nel Campionato Mondiale FIM Enduro dal 2005 all’ultimo conquistato da Giacomo Redondi a Fabriano.